“Tipico è ciò che di un territorio è riconoscibile”. E il vino è, tra i tanti prodotti, quello in grado di raccontare al meglio un territorio. Perché nella pianta della vite, nel suo fascino antico, nella faticosa bellezza della sua lavorazione, si rispecchiano la natura incontaminata e la mano dell’uomo.
La Tenuta Bonicontro, impegnata nella valorizzazione del territorio ibleo, si dedica quotidianamente alla lavorazione dei pregiati vitigni autoctoni, capaci di esprimere la forza e il carattere di questi suoli, e nella produzione di vini biologici.
Nell’armonioso rispetto della natura e secondo la filosofia della coltura biologica, alla Tenuta Bonincontro ci si prede cura del Nero d’Avola e del Frappato, dai quali si ottiene sia il Nero d’Avola ed il Frappato in purezza, sia il D.O.C.G. Cerasuolo di Vittoria. Ad essi si affianca anche il Grillo, vitigno tradizionale della Sicilia occidentale, che ha saputo attecchire perfettamente anche nelle terre iblee

Cerasolo di Vittoria D.O.C.G.

melovivo-cerasuolo-WEB

Unica DOCG siciliana, prodotto in provincia di Ragusa nel territorio tra i comuni di Vittoria ed Acate con uve al 70-50% di Frappato ed al 30-50% di Nero d'Avola. Di colore rosso ciliegia, da cui il nome Cerasuolo proviene, presenta un bouquet intenso e persistente che richiama anche sentori di frutta a bacca rossa e note floreali.
Rosso leggero e fragrante, si distingue per l’equilibrio al palato e per il retrogusto piacevole: è ottimo per l’accostamento con antipasti di salumi, formaggi, con arrosti e stufati e con preparazioni di pesce con condimento leggermente aromatico.

Nero d'Avola

melovivo-NERODAVOLA-WEB

È nell’angolo più a sud est della Sicilia, dove il sole e la brezza del mare contribuiscono a conferirgli le sue peculiari caratteristiche, che nasce il vitigno siciliano a bacca rossa più affermato e apprezzato: il Nero d’Avola.
Carattere forte e origine antica, il Nero d’Avola è stato da sempre coltivato tra le dolci colline dei monti Iblei, nella provincia di Ragusa. Anche se tradizione vuole che il nome provenga dal comune di Avola, in provincia di Siracusa.

Frappato

melovivo-frappato

Il sole mediterraneo e la terra calcarea della campagna del ragusano sono gli elementi ideali di questo antico vitigno rosso autoctono. Il cui nome - Frappato - sembra fare riferimento al termine fruttato: caratteristica saliente del suadente bouquet del vino.
La sua vinificazione in purezza offre un vino dal brillante colore rosso rubino trasparente, che al palato risulta fresco e armonioso. Dell’antico vitigno Frappato esistono ancora due varietà, molto simili con grappoli piuttosto allungati e con acini molto ravvicinati di colore rosso intenso tendente al violetto.
Proprio per le sue particolari caratteristiche, in tavola si abbina perfettamente con i piatti della tradizione ragusana, il cous cous di verdure e pesce, i salumi e formaggi tipici del territorio.

melovivo-grillo

Per decenni è stato uno dei vitigni più sottostimati della Sicilia: come tante altre uve, anche quelle del Grillo erano utilizzate per tagliare i vini da esportare al Nord.
Vitigno base per produrre i migliori vini DOC Marsala, compare, in purezza o insieme ad altri vitigni a bacca bianca, in numerose Doc, con risultati notevoli, anche grazie alla sua predisposizione, insolita per un vino bianco, all'invecchiamento.
Raccolto nella seconda metà di settembre, può dare vini di grande spessore organolettico, sapidi e dal buon corredo aromatico (con profumi erbacei, di fiori secchi e note agrumate). Da abbinare a piatti di pesce (molluschi e crostacei), fritti e verdure.