IN TERRA IBLEA: UN VIAGGIO
TRA I RITI DELLE COLTURE
E LA BELLEZZA DELLE CULTURE

"Dove all'ulivo si abbraccia la vite"

Dai docili profili degli altipiani Iblei fino alle coste di un mare cristallino: è in questo lembo di terra, nella provincia più a sud della Sicilia, che trova accoglienza la produzione della Tenuta Bonincontro.
Da questa piana, caratterizzata da una campagna dolce ed aspra insieme – dove ampie distese di coltivazioni e pascoli sono solcate dal bianco dei muretti a secco, dove i carrubi e gli ulivi si dividono il compito di offrire ombra e frescura alle antiche masserie, dove il lavoro e il riposo dell’uomo sono tuttora scanditi dall’orologio della tradizione – prendono vita i nostri vini, figli della grande tradizione vitivinicola oggi identificata nella strada del vino del Cerasuolo di Vittoria.

Tutto intorno si apre un territorio unico e irripetibile: un intrigo di bellezze naturalistiche, archeologiche, architettoniche e storiche di portata mondiale, tanto da figurare nella lista Unesco dei Beni Patrimonio dell’Umanità. Qui le chiese e i palazzi tardobarocchi di Ragusa Ibla, Modica, Comiso e Scicli o quelli in stile liberty di Vittoria non stanno solo a testimoniare i fasti di un passato nobiliare, ma anche l’operosità e il genio di un popolo che non si è mai lasciato sopraffare né dalle dominazioni straniere né dalla natura che sconvolse quest’angolo di Sicilia con il terremoto del 1693.

nel Sud Est: arte, cultura, tradizioni, enogastronomia e natura incontaminata

TENUTA BONICONTRO:
CUSTODI DELLA TRADIZIONE,
PROMOTORI DELL’IDENTITÀ

Ma le terre Iblee, oltre a offrire vini autoctoni di alto valore – dal Frappato al Nero d’Avola, fono al loro classico blend: il Cerasuolo di Vittoria, unica Docg siciliana – sanno anche regalare viaggi gastronomici non immaginabili altrove: dal granuloso e unico cioccolato di Modica, lavorato a freddo all’antica maniera azteca, ai formaggi ragusani noti a tutti gli chef del mondo; dall’olio DOP al miele più pregiato.

Un mix sorprendente di arte, cultura, tradizioni, enogastronomia e natura incontaminata che qui trova la sua più alta espressione. E che la Tenuta Bonicontro intende non solo preservare e tramandare, ma anche valorizzare, lavorando ogni giorno per diffonderne il fascino, difenderne l’identità e aumentarne la riconoscibilità. E usando la stessa cura con cui ha scelto di farsi custode degli antichi filari del posto. Che, accanto ai muretti a secco, ridisegnano le geometrie di un paesaggio rurale unico nel suo genere.